ESPLORATORI VENEZIANI ALLA SCOPERTA DEL MONDO

sabato 10 febbraio, ore 18

Furono spregiudicati, indomiti, coraggiosi. Scoprirono terre nuove, incontrarono nuovi popoli e lo fecero per curiosità e per sete di conoscenza, ma anche per voglia di conquista, per denaro e per fama (così come per fatalità). In molti casi, non lo fecero per Venezia: la Repubblica non seppe o non volle approfittare delle loro capacità, e dunque misero le loro abilità al servizio di altre potenze. Nondimeno, la Serenissima si fece sempre vanto di questi uomini capaci di solcare i mari più lontani, al punto da eternare le imprese di alcuni di loro nella Sala dello Scudo di Palazzo Ducale, il luogo d’attesa di ambasciatori e principi, dove Venezia li presentava al mondo dicendo: ecco di cosa sono stati capaci i veneziani. Gli esploratori veneziani. Da Marco Polo ai fratelli Antonio e Niccolò Zen; da Alvise Da Mosto a Piero Querini; da Giovanni Miani a Giancarlo Ligabue, Alberto Toso Fei narrerà le storie di questi veneziani speciali ed errabondi, che fecero del viaggio e della scoperta la loro ragione di vita. Ore 18, Auditorium M9, via Giovanni Pascoli 11, Mestre. Ingresso libero