Dicono di me

«A fare da guida un eccezionale Alberto Toso Fei. È raro trovare in una guida un così perfetto connubio tra materiale di ricerca e stile letterario. E qui ci si supera.»
Paola Santoro

«La volete una maniera di esplorare le città che sia in parte Harry Potter e in parte il Codice Da Vinci?»

Video
«Meritevolmente questa bella opera a fumetti (“Orientalia”) è stata presentata per la selezione del premio strega».
Vincenzo Mollica, Rai Tg1 “Do Re Ciak Gulp”

«Toso Fei, in questo suo nuovo libro [Misteri di Roma] ci regala una maniera diversa ed avvincente per visitare Roma»
Giuseppe Fantasia

Quell’Orientali’s Karma di Venezia (a fumetti) che va al Premio Strega.
Orientalia è un fumetto fuori dal tempo eppure anche di grande attualità. Alberto Toso Fei, “veneziano dal 1351” grande esperto di cultura e storia di Venezia, poliedrico divulgatore con tour, guide, libri e spettacoli…Toso Fei sviluppa una narrazione densa, documentata, dove nulla è casuale… Orientalia porta allo Strega la tradizione di Venezia, vera capitale del fumetto italiano, da Hugo Pratt a Giorgio Cavazzano.»
Stefano Feltri

 

«Nei sestieri sulla laguna c’è uno scrittore più letto di Camilleri, più venduto di Dan Brown. Specialità di Alberto Toso Fei sono le storie popolari su cui aleggia ancora un velo di mistero, capace di suggestionare la fantasia.»
Maurizio Turrioni

«Il libro Misteri di Venezia di Alberto Toso Fei è la guida che va oltre rispetto alle altre: tutta da leggere, perfetta, intrigante, seducente, colta e ricca di storie ben scritte, come un volume di racconti.»
Paolo Petroni

«La novità di questo guida ai Misteri di Roma sono i codici QR grazie ai quale l’autore “esce” dalle pagine per raccontare dal vivo le storie.»

Il grande Show della lettura (con lo scrittore performer) – “Pensiamo anche alle performance di presentazione delle guide cittadine sui generis di Alberto Toso Fei: in piedi su una gondola, circondato dal pubblico sparso in altre imbarcazioni, o al centro di un palcoscenico teatrale illuminato solo da candele: non semplici letture dai propri testi, ma racconti ‘dal focolare’ sulle leggende che hanno reso celebre la Serenissima o la Capitale”.
Paola Casella

“Al Premio Strega 2017 è candidata la graphic novel sulla Venezia turchesca ‘Orientalia, Mille e una notte a Venezia’. Con poche mirate parole Mimmo Paladino formalizza la scelta: ‘la sua visionarietà è bella combinazione parola/immagine, quasi uno storyboard cinematografico’”.

Per vedere quella Venezia che di norma nessuna guida mostra, per giocare con calli e segni, ponti e indizi, alla caccia di un mistero impenetrabile fatto di arte e di storia, Alberto Toso Fei ha creato questa puntata avvincente nel suo lungo percorso tra gli enigmi della sua Venezia.

“Questo è il racconto di un cantastorie. Una sorta di scrigno in cui Alberto Toso Fei, ‘cacciatore’ di leggende e misteri ha raccolto – e ora offre al suo pubblico – il ‘tesoro’ che è riuscito ad accumulare in anni di appassionata ricerca”.
Stefano Clerici

“What news on the Rialto? Hath Shakespeare benn a tourist here?”
Richard Owen su Shakespeare in Venice by Shaul Bassi and Alberto Toso Fei

Il vero tesoro è lo sperimentare una vera svolta nella visita delle città.
Rachel Spence

«Il lavoro del veneziano Alberto Toso Fei è paragonabile a quello fatto dai fratelli Grimm, perché questo pezzo di storia e di cultura veneziana deve essere conservato; il pericolo è che tutto finisca nel dimenticatoio.»
Hans-Richard Brittnacher, docente di mitologia e letteratura all’Università di Berlino

Il Ruyi conduce nel labirinto della conoscenza e insegna a guardare forme, colori, disegni, monumenti, chiese, ponti con gli occhi di un bambino che si meraviglia per ogni scoperta, com’è successo allo stesso Toso Fei, diventato “cacciatore di storie” grazie alla passione tramandatagli dai nonni e ai suoi racconti di leggende veneziane. Nella ricostruzione delle vicende di Toso Fei l’aspetto fantasioso appare sempre verosimile perché viene poggiato su nozioni incontestabili storicamente.
Francesca Bellino

“Veneziaenigma gode ancora dell’eco meritatogli dal premio che la giuria del Gambrinus-Giuseppe Mazzotti assegna all’opera più gradita”.

«Orientalia, graphic novel di Alberto Toso Fei e Marco Tagliapietra, tra i 27 libri candidati al premio Strega, restituisce al lettore una Venezia (forse) perduta… »

«Ruyi Roma, la guida multimediale e interattiva che consente (e costringe) il lettore-giocatore ad avventurarsi nella città per poter portare a termine la lettura dell’avvincente libro firmato dallo scrittore e storico Alberto Toso Fei.»
Pierpaolo Mocci

«Una lettura avvincente che dimostra ancora una volta che di Roma e su Roma c’è ancora tanto da scoprire».
Natalia Poggi

«Un libro intelligente, interessante, molto ben strutturato e anche ben disegnato; un piccolo excursus da mille e una notte, un libro per fare il quale non sono stati tagliati alberi invano».
Michela Murgia, Quante Storie RAI TRE

“La Fantasmappa: Ghostbusters in giro per Roma sulle tracce di veri fantasmi – Alberto Toso Fei ha pensato che giocare con i fantasmi – un gioco da bambini – fosse un modo insolito e appunto ludico per recuperare le ricchezze spesso sommerse della storia orale.”.
Paolo Di Paolo

«Sto leggendo in questo momento Shakespeare in Venice di Shaul Bassi e Alberto Toso Fei, un libro prezioso per me.»
Alessandro Gassman intervistato da D La Repubblica delle donne

http://Ottavia%20Piccolo

Video
Sono molto contenta che Orientalia sia entrato nella selezione del Premio Strega. Veramente volevo presentarlo anch’io, mi hanno battuto sul tempo alcuni amici che hanno ritenuto che questo libro fosse da presentare. Lo penso anch’io, perché questo libro è tante cose insieme”.
Ottavia Piccolo, attrice

http://Paolo%20Taviani

Video
La bellezza di questo lavoro è che nasce legandosi alla storia dell’arte che ci ha preceduto”.
Paolo Taviani, regista

http://Gianfranco%20Rosi%20e%20Alberto%20Toso%20Fei

Video
“Ho letto Orientalia e mi è piaciuto molto; pensavo che la graphic novel è nella letteratura un po’ come il documentario nel mondo del cinema – serie A e serie B; poi invece sappiamo che questi schemi possono essere superati: a me è successo. Auguro a Orientalia un bellissimo cammino”.
Gianfranco Rosi, regista

«[…] da lì, basta proseguire per incontrare sul proprio cammino quello che con il mio amico Alberto Toso Fei chiamiamo il nostro itinerario “ermetico-magico”, carico di tutti i segni della presenza di punti esoterici e alchemici a Venezia.» Marco Müller, intervistato su Venezia come direttore della Mostra del Cinema

“Vestire i panni di un ghostbuster e andare a caccia di spettri, senza perdere un colpo. Adesso si può grazie alla Fantasmappa”

«La città per lui non ha segreti. Alberto Toso Fei conosce perfettamente la laguna e, da tempo, ne racconta gli aneddoti e le meraviglie nascoste.»
Francesca Boccaletto

«Il fresco notturno per promuovere la pubblicazione in inglese dell’ultimo libro di Alberto Toso Fei “I segreti del Canal Grande” è diventato un gigantesco assembramento di barche in Canal Grande, che ha rallentato i vaporetti tanto da richiedere l’intervento del 113…»
Raffaella Vittadello

Una guida di Venezia che è una prova di intelligenza – “Questo ed altro in ’The Ruyi – Venice Act’ la nuova incredibile guida di Venezia in cui Alberto Toso Fei ha scritto sessanta storie a prima vista illeggibili perché scomposte in tre parti pubblicate in pagine diverse come nel cubo di Rubik”.
Maria Kraus

«Il mistero della donna vestita di nero”. Nel luglio del 1947 un piccolo fu portato via in piazzale Roma da una donna vestita di nero. Con nuovi documenti forniti dalla sorella, con Toso Fei (a “Chi l’ha visto?”) si riapre il caso.»

“Alberto Toso Fei, lo scrittore veneziano capace di esplorare nei meandri più nascosti della città per scovarne i segreti più intriganti”.
Alessandra Artale

«Misteri veneziani, tutto esaurito in Russia.»

Sì, viaggiare (e fantasticare) – Stanchi delle vecchie guide “ingessate”? Arriva una nuova collana edita da StudioLT2, “Misteri di Roma” e “Misteri di Venezia” di Alberto Toso Fei, con prefazioni rispettivamente di Giancarlo De Cataldo e Carlo Lucarelli.

«Importantissima però, oltre a quella architettonica, è anche la salvaguardia culturale di Venezia, alla quale da una ventina d’anni si dedica con scrupolo e perizia il veneziano doc Alberto Toso Fei, che ha raccolto una quantità di storie, aneddoti e leggende che i suoi concittadini da secoli si tramandano oralmente.»
Carla Brazzoli (PANORAMA FIRST)

Al BEA di New York autore d’onore Alberto Toso Fei, che ha presentato “The Ruyi”, l’opera multimediale che propone un modo diverso e originale di visitare le città trasformando il turista da spettatore a protagonista.